Banchi ottici 4x5”: una panoramica

12 aprile 2007  Pier-Luigi  Fotografia (0)
Banchi ottici 4x5”: una panoramica (prima parte)
 
Questa serie di articoli vogliono essere una rapida analisi dei diversi modelli di macchine fotografiche a grande formato 4x5” (10x12cm.) che sono oggi più diffuse e facilmente reperibili sia nel mercato del nuovo che in quello dell’usato.
Consapevoli che questa non potrà essere una lista esaustiva e completa, abbiamo però quantomeno la speranza che possa aiutare e guidare all’acquisto chi si volesse avvicinare al grande formato e non sapesse quale modello scegliere davanti ad una selva di offerte che sono spesso fonte di confusione.
Gli articoli saranno pubblicati in diverse puntate, la prima delle quali è questa dedicata alle folding di legno che sono considerate tra le più leggere e trasportabili (anche se questa leggerezza può andare a discapito della rigidità complessiva), nonché dal rapporto qualità prezzo molto interessante, nel senso che possono essere acquistate nel mercato del nuovo per cifre che vanno dai 700 ai 1400 euro.
Ma prima una breve descrizione su cosa si intende per “folding”, altrimenti chiamate anche “flatbed”, o “field” camera.
Sono banchi ottici che, in fase di chiusura, hanno la caratteristica di “collassare” sulla loro base e pertanto si trasformano in una piccola scatola più o meno quadrata facilmente trasportabile all’interno di uno zaino.
Anche le procedure di apertura sono molto semplici e veloci, dal momento che non è necessario montare il banco ottico su una rotaia (come avviene invece nelle “view” camera o banchi ottici monorotaia), ma basta sollevare le standarte anteriori dalla base su cui sono “collassate” e fissare poi questa base al cavalletto.
Una delle caratteristiche principali delle folding è quella di essere poco ingombranti, leggere, trasportabili, e questo a volte a scapito della completezza ed ampiezza dei movimenti e della rigidità: per questo motivo sono la scelta primaria di chi pratica la fotografia di paesaggio, genere fotografico in cui la compattezza e la facilità di trasporto in uno zaino sono sicuramente da privilegiare rispetto ad altre caratteristiche.
Le folding possono essere di legno, metallo o di materiali compositi.
 
 
Banchi ottici “folding” in legno, leggeri e a medio/basso prezzo di acquisto.
 
 
Shangai Shen Hao
Folding cinese introdotta nel 2001 e che ha avuto un successo immediato di vendite per l’interessante rapporto qualità/prezzo.
Realizzata il legno teak, ha una ampiezza ed un numero di movimenti che sono solitamente tipici di folding ben più costose e titolate, pur mantenendo una discreta rigidità complessiva.
A questo bisogna aggiungere una serie completa di accessori compatibili, dal soffietto floscio ai dorsi panoramici per i rulli su cui caricare pellicole a medio formato, per cui potrebbe essere la scelta più indicata per chi volesse entrare nel mondo del grande formato senza spendere cifre esagerate e avendo anche la possibilità di espandere il proprio sistema di ripresa.
Il modello HZX4x5-II A, con i suoi 360mm di tiraggio massimo di soffietto ed i suoi 45mm di tiraggio minimo, può montare una ampia gamma di obiettivi, dal medio tele al grandangolare spinto.
Alcuni utilizzatori hanno lamentato il fatto che il peso dichiarato dalla casa produttrice (2,2 Kg), non corrisponda al peso reale della folding, che è invece più vicino ai 2,5 – 2,6 Kg.
Oltre a questo modello l’azienda cinese ne propone anche uno non folding, quindi non richiudibile, la TFC45, più adatta ad essere utilizzata con i grandangolari.
 
 
Caratteristiche tecniche della Shen Hao HZX4x5-II A
 
 
 
 
 
 
Tachihara
 
 
 
 
 
Fino alla introduzione sui mercati della Shen Hao, la Tachihara era sicuramente la folding di legno dal prezzo più contenuto, pur mantenendo una qualità costruttiva più che discreta.
Realizzata in legno di ciliegio, e con delle meccaniche di metallo dorato dal gusto retrò, possiamo sicuramente dire che la 45GF è una delle folding esteticamente più piacevoli.
Il numero e l’ampiezza dei movimenti è più limitato rispetto alla Shen Hao, anche se i movimenti disponibili sono più che adeguati per la fotografia di paesaggio, così come minore è l’estensione/compressione del soffietto e la rigidità costruttiva, anche se rispetto alla concorrente cinese la Tachihara è considerevolmente più leggera (1,5 Kg).
Oltre alla 45GF, l’azienda nipponica propone anche alcuni modelli, come la 45SF o la 45BR, in cui il ciliegio è stato sostituito con altri tipi di legno e le parti in metallo sono cromate anziché dorate.
Tra i punti deboli dobbiamo segnalare l’impossibilità di sostituire il soffietto per montare un soffietto floscio (anche se il soffietto normale è straordinariamente morbido e consente l’effettuazione dei movimenti anche con grandangolari spinti), e l’assenza del dorso Graflock, fatto questo che rende la Tachihara meno compatibile con i dorsi per rulli 120 più comunemente usati.
 
 
Caratteristiche tecniche della Tachihara 45GF
 
Movimenti del corpo anteriore
 
Decentramento verticale: 40mm. verso l’alto, 30mm. verso il basso
 
Basculaggio orizzontale: basculaggio alla base 30° / 90°
 
Basculaggio verticale: basculaggio sull’asse 17° / 17°
 
 
Movimenti del corpo posteriore
 
Basculaggio orizzontale: basculaggio alla base 30° / 90°
 
Basculaggio verticale: basculaggio sull’asse 23° / 23°
 
 
Tiraggio massimo del soffietto: 330mm.
Tiraggio minimo del soffietto: 65mm.
 
 
Peso: 1,5 Kg.
 
 
 
Wista
 
 
 
 
 
La Wista, è una azienda giapponese che, oltre ad alcuni interessanti modelli di folding in legno, produce anche delle folding in metallo realizzate sulla filosofia costruttiva delle “technical” camera (come la Linhof Technika) e le cui caratteristiche analizzeremo in una delle prossime puntate dedicate specificatamente a questo tipo di banchi ottici.
Nell’ambito delle folding di legno, la Wista propone quattro modelli: la 45DX, la 45DXII, la 45DXIII e la 45SW, disponibili in tre differenti tipi di legno, ciliegio, palissandro ed ebano, anche se è opportuno specificare che la versione realizzata in ebano è però considerevolmente più costosa rispetto alle altre due.
Le differenze tra i differenti modelli si possono riassumere nel tipo di movimenti disponibili, dalla possibilità o meno di sostituire il soffietto e dal peso: la 45DX e la 45DXII non hanno la possibilità di montare il soffietto floscio, là dove con la 45DXIII e la 45SW è invece possibile; la 45DX ha i basculaggi verticali ed orizzontali sia sul corpo anteriore che su quello posteriore, mentre per i decentramenti troviamo quello verticale solo sul corpo anteriore e quello orizzontale solo sul corpo posteriore, là dove alla 45DXIII ed alla 45SW manca invece il basculaggio verticale del corpo posteriore, mentre alla 45DXII manca il decentramento orizzontale del corpo posteriore.
Per quanto riguarda il peso la 45DX viene data dalla casa produttrice per 2,0 Kg, la 45DXII per 1,5 Kg, la 45DXIII  per 1,8 Kg e la 45SW per 1,8 Kg.
Sebbene il numero e l’ampiezza dei movimenti siano più limitati rispetto alla Shen Hao, però possiamo considerarli sono più che adeguati per la fotografia di paesaggio ed anche per alcune applicazioni nell’ambito delle riprese di architettura.
Paragonate alla Shen Hao ed alla Tachihara, le folding prodotte dalla Wista possono vantare una migliore qualità costruttiva, una maggiore cura dei particolari ed una maggiore rigidità (soprattutto rispetto alla Tachihara), caratteristiche che però poi si traducono in un maggiore prezzo di vendita.
 
 
Caratteristiche tecniche della WISTA 45DX
 
Movimenti del corpo anteriore
 
Decentramento verticale: 36mm. verso l’alto, 29mm. verso il basso
 
Basculaggio orizzontale: basculaggio alla base 37° / 90°
 
Basculaggio verticale: basculaggio alla base 15° / 15°
 
 
Movimenti del corpo posteriore
 
Decentramento orizzontale: 16mm. (destra/sinistra)
 
Basculaggio orizzontale: basculaggio sull’asse 16° / 90°
 
Basculaggio verticale: basculaggio alla base 12° / 12°
 
 
Tiraggio massimo del soffietto: 305mm.
Tiraggio minimo del soffietto: 51mm
 
 
Peso: 2,0 Kg
 
 
(Fine della prima parte)
 
© Marco Frigerio 03/2006

 

Aggiungi Commento

Loading