Di Majo Norante Ramitello 2002

08 gennaio 2007  Pier-Luigi  Vini (0)
Di un colore rosso rubino impenetrabile, con riflessi violacei. Dopo una breve ossigenazione all´esame olfattivo si apre con sentori intensi di prugna matura, liquerizia e carruba, sullo sfondo un bel frutto maturo ancora perfettamente integro. In bocca l´ingresso è intenso, di frutta rossa matura dove anche qui torna sovrana la prugna,. Seguono profumi di liquerizia e di carruba su una nota speziata di pepe nero. In bocca mantiene se non accentua le percezioni già riscontrate col precedente esame. Tannini importanti e consistente acidità, ne fanno un vino piuttosto austero - è l´aglianico - ma splendidamente addolcito dall´eleganza del frutto - il montepulciano -, eleganza che sopperisce senza problemi ad una morbidezza non ancora del tutto matura ma raggiungibile. Il finale è lievemente amarognolo e lascia la bocca sgombra da ogni dubbio: Ottimo il rapporto qualità prezzo. Uvaggio Montepulciano 80 e Aglianico 20 Vinificazione e affinamento La vendemmia generalmente avviene a fine Ottobre. La vinificazoine avviane a teperatura controllata di circa 30° con brevi rimottaggi e macerazioni per circa 10gg. Affinamento in botti di rovere per 24/36 mesi. Il produttore Di Majo Norante produce vini DOC dal 1968. Lo scopo che si prefigge è il recupero dei sapori antichi e pieni di personalità di questa terra molisana. Attualmente la superficie vitata è di circa 52 ettari. Antichi vitigni ma anche nuove tecnologie, con sempre maggiore attenzione alla coltivazione della vite con concimi di origine organica e minerale, sali di zolfo e rame, lotta biologica, lavorazioni manuali e meccaniche per le erbe infestanti, asportazione dei resti della potatura per evitare focolai di infezioni. L´abbinamento Data la sua struttura, accompagna bene i piatti ricchi, in particolare carni bianche e rosse, cacciagione e formaggi stagionati. Provenienza Italia - Molise,

 

Provato ad una degustazione il vino e´ risultato interessante, Ricco al naso. La seconda prova non ha pienamente confermato la prima, il vino e´ discreto ma i tannini sono eccessivi e la persistenza in bocca e´ scarsa.

Aggiungi Commento

Loading