L’intervenzione di Dominique Venner e la risposta di Alain De Benoist

02 aprile 2009  Pier-Luigi  Blog (0)

Parlare di politica oggi e' difficile perche il fallimento degli ideali da una parte e la lascivia trasformazione dall'altra ha portato ad un totale black out fisolofico/ideologico, ad un buco nero nel dibattito "politologico". Pochi sanno trasformarsi e non rimanere legati a vecchi e sorpassati dogmi. De Benoist e' uno di questi, capace ancora di analizzare i mutamenti sociali e di rivedere le proprie idee.

Sono sempre stato in bilico sul confine tra destra e sinistra, convinto che sono due ideologie che possono lottare in sinergia per il raggiungimento dello stesso scopo, per poi ritrovarsi a combattere di nuovo a causa delle insormontabili differenze che le distinguono. De Benoist cavalca spavaldo questo confine e, anche se puo' risultare difficile condividerne le idee, rimane una mente eccelsa. Gli scritti di Evola appiono oggi ammuffiti, quelli di Junger ancora affascinanti ma assolutamente incapaci di convincere, e all'orizzonte nessuno abile a dar linfa a nuove idee. De Benoist rimane estremo nel suo "orizzontalismo" ideologico, sempre in movimento tra le diverse posizioni, ma capace di prendere il meglio da tutte e di offrire interessanti analisi. Questa e' una di quelle ...

UN DIBATTITO SULLA DESTRA (2006)

Aggiungi Commento

Loading